logo-rete.jpg

 

Salemi, fabbricati pericolanti in uno dei borghi più belli d'Italia

Alcuni fabbricati in stato di totale abbandono e pericolanti minacciano la sicurezza e la salute di quanti, residenti e croceristi, si trovino a passare da via Rapallo, una delle vie principali del quartiere ebraico (Giudecca) del Comune di Salemi.

I fabbricati pericolosi

In particolare, si tratta di un fabbricato che catastalmente risulta di proprietà comunale e di altro fabbricato il cui proprietario sembrerebbe essere deceduto all’estero nel lontano 2009 e dei cui eredi sembra non esservi traccia.

L'allarme dei residenti

Da diverso tempo ormai i residenti della zona, allarmati dal giornaliero distacco di calcinacci e pietre soprattutto nelle giornate di pioggia e particolarmente ventose, si prodigano in una costante attività di segnalazione agli uffici competenti per porre rimedio alla suddetta situazione, ma dalle parti delle stanze di Piazza Dittatura tutto ancora tace. In particolare, tra le ultime segnalazioni, il 22 maggio del 2019 alcuni residenti hanno provveduto a notificare via Pec al Comune di Salemi una richiesta di messa in sicurezza dei suddetti luoghi, corredata da una completa e dettagliata documentazione fotografica, ma anche in tale occasione nessun provvedimento è stato adottato.

L'appello a Codici

Preoccupati del perdurare della costante situazione di pericolo a cui sono sottoposti e stanchi del silenzio assordante proveniente dagli uffici che istituzionalmente sono tenuti ad assicurare la sicurezza e l’incolumità dei cittadini, alcuni residenti si sono rivolti all’associazione Codici.

Richiesta di intervento urgente

“Purtroppo nella nostra piccola comunità - spiega il Segretario Territoriale di Codici Roberto Rapallo - si assiste ad un paradossale rovescio delle priorità di intervento, ossia si riescono a trovare agevolmente ed a  spendere fondi per manifestazioni ludico-ricreative e non si trovano i soldi, ad esempio, per la messa in sicurezza di quei fabbricati pericolanti appartenenti a proprietari di cui non si ha più notizia. Proprio in considerazione di tale grottesca situazione - continua l'Avvocato Rapallo, si è provveduto ad una formale richiesta di un urgente intervento sostitutivo di messa in sicurezza indirizzata al Comune di Salemi ed inoltrata anche per conoscenza al Comando provinciale dei Vigili del Fuoco ed all’Ufficio del Genio Civile di Trapani. L’Associazione Codici - conclude il Segretario Territoriale - continuerà a monitorare la situazione degli edifici pericolanti di Via Rapallo finché non si sarà giunti ad una loro effettiva messa in sicurezza, garantendo così il diritto alla salute ed all’incolumità dei residenti, e fintanto che la vicenda non potrà ritenersi definitivamente conclusa con la classica foto di rito”.

Occorre essere registrati per poter commentare