logo-rete.jpg

 

Milano, anche superare il limite di velocità di 1Km/h va bene per fare cassa

 Il Comune giustifica la pioggia di multe con l’intento di abbassare il numero di incidenti stradali in città ma anche dal ministero dei Trasporti arrivano le critiche

 

Milano, 11 dicembre 2014 - “Il Codice della strada non è fatto per sanare i bilanci. Anche i Comuni devono rispettare le leggi. Le multe non devono diventare un mezzo per sanare i conti, ma hanno solo scopo deterrente”. A dirlo questa volta è il ministro dei Trasporti, Maurizio Lupi. La questione è quella dibattuta delle migliaia di multe arrivate agli automobilisti milanesi dopo l’installazione nel marzo scorso di sette autovelox in città.

 

“Puniamo chi non rispetta le leggi”. E’ stata la risposta dell’assessore comunale alla Sicurezza, Marco Granelli.

 

“Dobbiamo tuttavia osservare – commenta Davide Zanon, Segretario CODICI Lombardia – che ad essere “punito” è stato anche chi ha superato di 1 km/h il limite di velocità. Una pedanteria e una precisione che suona come stratagemma per fare cassa piuttosto che per educare i cittadini al rispetto delle regole del Codice della strada”.

 

 

 

 

Occorre essere registrati per poter commentare