Azioni in picchiata

Azioni in picchiata

Azioni svalutate del 30% dal CdA di Banca Popolare del Lazio, scatta l'azione legale.

C'è preoccupazione e rabbia tra i risparmiatori di Bpl. Tutto nasce a fine 2019, quando il Consiglio di Amministrazione dell'istituto decide di svalutare del 30% le azioni, che improvvisamente diventano difficili da vendere.

Mercato in stallo

I titoli non hanno mercato, non si trovano compratori disposti al loro acquisto. E così un investimento fatto anche sulla base della fiducia nutrita nei confronti della banca non fornire più le dovute garanzie. Condividendo i timori dei risparmiatori, l'associazione Codici ha deciso di intervenire.

Rimborsare i risparmiatori

Secondo i legali dell'associazione Codici, ai risparmiatori è stato proposto un investimento che richiedeva specifiche capacità e competenze. Per questo motivo è stata avviata un'azione legale. Attraverso questa iniziativa viene chiesto a Banca Popolare del Lazio di restituire ai clienti l'intero capitale oggetto di investimento. Non solo. L'Associazione ha inviato anche una lettera all'istituto, chiedendo chiarimenti sulla situazione che si è venuta a creare.

Come aderire

Per partecipare all'azione legale è necessario compilare l'apposito modulo di adesione (scarica qui). Per ricevere maggiori informazioni o assistenza è possibile contattare lo Sportello Nazionale dell'associazione Codici al numero 06.5571996 o all'indirizzo email This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it..