logo-rete.jpg

 

news

Codici e Aeci: clienti abbandonati dalle agenzie di prenotazione online

Codici e Aeci: clienti abbandonati dalle agenzie di prenotazione online

Si apre un nuovo fronte nella lotta dei consumatori per ottenere il rimborso per la cancellazione di un viaggio.


Utenti lasciati senza risposte

È quello delle agenzie di prenotazione online. Sono sempre più numerosi i consumatori che lamentano difficoltà nel ricevere risposte, ad esempio da Booking, Expedia, Volagratis e Airbnb. Le associazioni Codici e Aeci stanno raccogliendo le segnalazioni, pronte ad intervenire per garantire il diritto al rimborso.

Silenzio preoccupante

“Quanto sta succedendo è preoccupante – dichiarano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici, ed Ivan Marinelli, Presidente di Aeci – perché finora la problematica principale è stata l’imposizione del voucher da parte degli operatori turistici, che non lasciano scelta al consumatore, negando il diritto al rimborso, peraltro ribadito recentemente da Unione Europea ed Antitrust. In questo caso, le agenzie di prenotazione online non offrono nessuna alternativa, non rispondono alle richieste di rimborso e non propongono nemmeno il voucher. Un silenzio molto grave, che denunciamo con forza. Ci aspettiamo un cambio di rotta. Chi ha prenotato una vacanza e chiede di cancellarla non può essere ignorato”.

Il diritto al rimborso

Codici e Aeci hanno avviato la campagna “Voucher? No, grazie!” per fornire assistenza ai consumatori che si vedono negare il diritto al rimborso. Sui siti delle due associazioni (www.codici.org – www.euroconsumatori.eu) è disponibile il modulo di adesione. Per info: [email protected] o [email protected]

 

Leggi tutto...
Diamanti, arrestato amministratore delegato Dpi. Codici Lombardia: seguiremo anche questa vicenda da vicino

Diamanti, arrestato amministratore delegato Dpi. Codici Lombardia: seguiremo anche questa vicenda da vicino

È notizia di pochi giorni fa l’arrestato da parte della Guardia di Finanza di Milano di Maurizio Sacchi, amministratore delegato della DPI S.p.A., società attiva nel settore della vendita di diamanti, con l'accusa di autoriciclaggio.


Risparmiatori truffati

L’indagine, coordinata dal PM Grazia Colacicco, già attiva nelle procedimento che ha coinvolto le banche nella triste e ben nota vicenda dei diamanti da investimento, ha visto tra le vittime di questa truffa numerosi cittadini che avevano deciso di investire i loro risparmi nelle pietre preziose, certi di quello che gli veniva detto al momento dell’acquisto. Certezze che poi si sono rivelate fasulle.

Indagini e sequestri

Nel corso delle indagini tenutesi nel febbraio scorso, erano stati sequestrati beni per un valore di oltre 700 milioni. Successivamente, nel gennaio di quest’anno, si è provveduto al sequestro di quote societarie e attività finanziarie per circa 34 milioni di euro.

Il caso Idb

“I diamanti - dichiara Davide Zanon, Segretario di Codici Lombardia - sono stati venduti, tramite i canali bancari, a prezzi gonfiati fino al 50% rispetto al loro valore effettivo, truffando così centinaia di ignari risparmiatori. In questa truffa è rimasta coinvolta anche la Idb, azienda già tristemente nota per essere fallita nel 2016. Abbiamo avuto modo di seguire e stiamo tuttora seguendo in prima linea la situazione della Idb e ci auguriamo che queste indagini porteranno all’arresto di tutte le persone coinvolte”.

L'assistenza di Codici

Qualora si avesse necessità di ulteriori indicazioni o di ricevere assistenza, è possibile contattare Codici Lombardia ai numeri 02.36503438 e 351.7979897 o inviare una mail a [email protected]

Leggi tutto...
Ldp, Codici: il Tribunale di Roma condanna l’ospedale San Camillo Forlanini al risarcimento dei danni

Ldp, Codici: il Tribunale di Roma condanna l’ospedale San Camillo Forlanini al risarcimento dei danni

"Negligente ed imperita prestazione medica in relazione all'insorgenza delle piaghe da decubito". È uno dei passaggi chiave della sentenza con cui il Tribunale di Roma – Sezione XII – Giudice Verusio, ha condannato l'azienda ospedaliera San Camillo Forlanini al risarcimento di 53mila euro per i familiari di un paziente ricoverato presso la struttura capitolina.

Leggi tutto...
Truffa servizi a pagamento sui cellulari, il caso WindTre: segnalazioni e dubbi

Truffa servizi a pagamento sui cellulari, il caso WindTre: segnalazioni e dubbi

Migliaia di utenti colpiti da una truffa milionaria. È quella su cui sta indagando la Procura di Milano, che ha portato alla luce un meccanismo che si ripete da anni, ma su cui non è stato fatto evidentemente nulla, nonostante le ripetute segnalazioni delle associazioni dei consumatori, Codici in primis. Perché quello dell'attivazione fraudolenta di servizi a pagamento sui cellulari è un problema noto alle autorità.

Leggi tutto...
Codici: procedimento dell’Antitrust su Alitalia dopo le nostre segnalazioni, massima attenzione e tutela per i consumatori

Codici: procedimento dell’Antitrust su Alitalia dopo le nostre segnalazioni, massima attenzione e tutela per i consumatori

L’associazione Codici esprime il proprio apprezzamento per il procedimento avviato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti di Alitalia in merito alla vendita di biglietti per voli successivamente cancellati a causa dell’emergenza Coronavirus, pur trattandosi di servizi da svolgere in un periodo senza i limiti di circolazione imposti dai provvedimenti governativi.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS