logo-rete.jpg

 

Una giornata per gli antibiotici, un quiz per i consumatori

Si è celebrata il 18 novembre la Giornata europea della consapevolezza sugli antibiotici (European Antibiotic Awareness Day), promossa dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle infezioni (ECDC).

L’iniziativa si svolge in concomitanza con l’avvio della Settimana mondiale degli antibiotici (World Antibiotic Awareness Week - World Health Organization), promossa dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per sensibilizzare la popolazione sul corretto uso di questi preziosi farmaci e sui rischi connessi al fenomeno dell’antibiotico-resistenza (AMR).

Il messaggio dell'Oms

“Il futuro degli antibiotici dipende da ognuno di noi” è il messaggio della campagna OMS di quest’anno, che mira a incoraggiare la responsabilità individuale nell’adozione di buone pratiche tra la popolazione, il personale sanitario e i decisori politici per contrastare la resistenza batterica agli antibiotici.

Il pilastro della medicina moderna

Dalla loro scoperta, infatti, gli antibiotici hanno rappresentato il pilastro della medicina moderna. Tuttavia il persistente abuso e l’uso inappropriato nell’uomo e nell’animale hanno favorito la diffusione dell’antibiotico-resistenza, che si verifica quando i batteri divengono resistenti ai medicinali impiegati per combatterli. Nei prossimi giorni, le istituzioni sanitarie nazionali, che stanno collaborando per affrontare con decisione questa emergenza particolarmente delicata nel nostro Paese, dedicheranno iniziative specifiche al tema.

Il quiz

Conoscere gli antibiotici è il primo strumento per utilizzarli al meglio e per evitare comportamenti errati. Cosa sono e a cosa servono questi farmaci? Quando non vanno utilizzati e possono persino essere dannosi? Cos’è l’antibiotico-resistenza? Chi volesse mettere alla prova le proprie conoscenze su questi temi, può farlo rispondendo a un breve quiz che l’AIFA lancia oggi per la Giornata Europea. Questo il link per partecipare: https://it.surveymonkey.com/r/quizantibiotici.

Occorre essere registrati per poter commentare