logo-rete.jpg

Malasanità in Sicilia: due casi in due giorni

La Regione cosa aspetta a prendere provvedimenti? CODICI si costituirà parte civile nei processi

 

Roma, 10 giugno 2015 – Lunedì un 70enne è deceduto dopo una colonscopia all'ospedale “Busacca” di Scicli. Martedì è stata la volta di una 42enne, ricoverata al Policlinico di Palermo per una frattura alla tibia. La donna è morta dopo una settimana per setticemia. Due presunti casi di malasanità. Gli ennesimi in una regione martoriata come la Sicilia.

I familiari delle vittime hanno presentato un esposto in procura. Vogliono sapere perché due operazioni considerate di routine abbiano segnato la fine per i loro congiunti.

“Due casi a distanza di poche ore uno dall’altro. Cosa aspetta la Regione a prendere provvedimenti? Ad avviare un’indagine interna che individui le eventuali responsabilità?E' incredibile come in Sicilia si rilevino, quotidianamente, dei presunti casi di malasanità imputabili al cattivo operato delle professioni sanitarie o alle numerose lacune delle strutture ospitanti. In particolare che l’applicazione dei protocolli contro le infezioni batteriche siano ancora al palo”, dichiarano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale CODICI, e Manfredi Zammataro, Segretario CODICI Sicilia.

“Codici si costituirà parte civile in entrambi i processi”, concludono. 

Occorre essere registrati per poter commentare