logo-rete.jpg

 

Roma: parte il 19 Lglio la fiaccolata contro la violenza mafiosa promossa dal presidente della Provincia Zingaretti

Codici aderisce alla fiaccolata. L’Associazione già da tempo aveva dato l’allarme: Roma è stata conquistata dalle infiltrazioni mafiose.


Il Presidente della Provincia Nicola Zingaretti ha proposto, per il 19 luglio, al Pantheon, una fiaccolata contro la violenza mafiosa. Non è un caso che la manifestazione si terrà proprio nel diciannovesimo anniversario della strage di via d’Amelio, in cui venne ucciso il giudice Borsellino. La fiaccolata, infatti, vuole esprimere un segnale di risposta in seguito ai recenti fatti di violenza avvenuti nella Capitale.In base a quanto appena detto, Codici rende noto che non mancherà di aderire pienamente alla manifestazione, un evento importante all’interno del contesto della lotta ai poteri criminali della mafia.Già nel dossier “Le mani della criminalità sul Comune di Roma e Provincia” l’Associazione aveva delineato un quadro decisamente sconcertante, che purtroppo investe Roma e Provincia per il primato del numero degli omicidi volontari, delle estorsioni, del riciclaggio e dell’impiego di denaro. Anche per i reati di ricettazione ed usura la Capitale e la sua provincia rappresentano il centro nevralgico di molti traffici illeciti.Inoltre, si pensi al rapporto dei reati totali commessi nell’intero Lazio e quelli relativi alla capitale e zone limitrofe, secondo il quale su 209.382 atti criminali, in valore assoluto ben 175.433 sono stati commessi nella Provincia di Roma e nella stessa Capitale. “Vista la drammaticità della situazione, Codici – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici - è orgogliosa di aderire alla fiaccolata, anche in base all’importanza del ruolo che l’Associazione ha sempre avuto nei confronti della lotta alle infiltrazioni criminose. La nostra associazione è infatti stata la prima a chiarire quanto, ad oggi, Roma sia purtroppo un territorio conquistato dalla mafia”.

Il Presidente della Provincia Nicola Zingaretti ha proposto, per il 19 luglio, al Pantheon, una fiaccolata contro la violenza mafiosa. Non è un caso che la manifestazione si terrà proprio nel diciannovesimo anniversario della strage di via d’Amelio, in cui venne ucciso il giudice Borsellino. La fiaccolata, infatti, vuole esprimere un segnale di risposta in seguito ai recenti fatti di violenza avvenuti nella Capitale.

In base a quanto appena detto, Codici rende noto che non mancherà di aderire pienamente alla manifestazione, un evento importante all’interno del contesto della lotta ai poteri criminali della mafia.

 

Già nel dossier “Le mani della criminalità sul Comune di Roma e Provincia” l’Associazione aveva delineato un quadro decisamente sconcertante, che purtroppo investe Roma e Provincia per il primato del numero degli omicidi volontari, delle estorsioni, del riciclaggio e dell’impiego di denaro. Anche per i reati di ricettazione ed usura la Capitale e la sua provincia rappresentano il centro nevralgico di molti traffici illeciti.

Inoltre, si pensi al rapporto dei reati totali commessi nell’intero Lazio e quelli relativi alla capitale e zone limitrofe, secondo il quale su 209.382 atti criminali, in valore assoluto ben 175.433 sono stati commessi nella Provincia di Roma e nella stessa Capitale.  

 

“Vista la drammaticità della situazione, Codici – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici - è orgogliosa di aderire alla fiaccolata, anche in base all’importanza del ruolo che l’Associazione ha sempre avuto nei confronti della lotta alle infiltrazioni criminose. La nostra associazione è infatti stata la prima a chiarire quanto, ad oggi, Roma sia purtroppo un territorio conquistato dalla mafia”.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS