logo-rete.jpg

 

Truffa agenzia di viaggio, CODICI ammessa parte civile nel processo

 

Il Tribunale di Reggio Calabria ha riconosciuto all’Associazione dei consumatori CODICI e alla sua delegazione calabrese, nonché il Forum delle Associazioni Antiusura, la costituzione di parte civile nel processo che vede imputata Debora De Girolamo.

La donna è accusata di truffa, clonazione di carte di credito e estorsione. Tutti reati commessi ai danni dei clienti che si erano rivolti alla sua agenzia di viaggio di Reggio Calabria.

La De Girolamo, secondo l’accusa, si faceva anticipare dai clienti le somme dovute per l’acquisto di pacchetti vacanza o biglietti aerei senza poi effettuava le prenotazioni e gli acquisti dando la colpa a sovra-prenotazioni effettuate dal tour operator o dalla compagnia aerea.

“Grazie all’ammissione di CODICI come parte civile – affermano Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale dell’Associazione, e Giuseppe Salamone, Segretario della regione Calabria – potremo ottenere un riconoscimento dei diritti lesi da parte dei clienti dell’agenzia”.

 

Roma, 15 ottobre 2014

 

 

Occorre essere registrati per poter commentare