logo-rete.jpg

 

Conguagli Acea Frosinone, dopo il danno la beffa. Codici: “E io pago!”

Gli utenti del servizio idrico saranno costretti a pagare le bollette 
 
 
“Nonostante i cinque ricorsi al Tar, l’attività di mediazione e supporto costante da parte della nostra associazione – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario nazionale Codici – gli utenti di Acea Ato 5 (zona di Frosinone) saranno costretti a pagare i salati conguagli 2006-2011”. 

“Sappiamo – continua Giacomelli - che l’Acea ha già avviato un’azione di recupero, in virtù delle decisioni del commissario ad acta nominato dal Tar di Latina. Ciò nonostante i consumatori abbiano in questi anni, anche attraverso i nostri sportelli, segnalato la mancata ricezione delle bollette o i disservizi gravi del servizio”.

“Ricordiamo con orgoglio che Codici è sempre stata l’unica Associazione a fare azioni concrete per tutelare gli utenti di Acea”. 

“Non ci resta che sottolineare il prodotto lampante della malapolitica nazionale e locale che non ha saputo controllare la gestione del servizio: dai sindaci ai presidenti della provincia”. 

“Raccomandiamo comunque – conclude il Segretario nazionale di Codici - di verificare gli importi, le anomalie in merito ai metri cubi e qualsiasi altra irregolarità rilevata nella lettura della bolletta e contattare l’associazione per qualsiasi reclamo”.



Roma, 18 settembre 2014

Occorre essere registrati per poter commentare