• Pubblicato in Eventi

Roma, venerdì 4 luglio: seminario Codici sulla direttiva consumatori

contrattobraccio

Le nuove frontiere della tutela del consumatore: Codici presenta il seminario di approfondimento sulla direttiva consumatori

Il d.lgs 21 febbraio del 2014 – I nuovi diritti dei consumatori #consumerright Roma, venerdì 4 luglio, dalle 09:30 alle 13:00, CNEL, Sala Gialla

Saranno presenti:


Saluti CNEL- Stefano Bruni
Assoutenti – Antonietta Boselli
Codici – Ivano Giacomelli
Codacons - Gianluca Di Ascenzo
MDC- Francesco Luongo
AGCM – DG Giovanni Calabrò
AEEGSI - Tiziana Lo Nardo
AGCOM – Enrico Maria Cotugno
AGCOM – Sergio Del Grosso
Senato – Elena Fissore
Edison – Benedetta Celata
Energetic Source – Antonio Rocca
Assocontact – Alberto Zunino
Euroservice Group- Elia Bisogni

Per la partecipazione all’evento è necessaria la registrazione al seguente link. Per raggiungere il Cnel, in auto: una volta raggiunto il Grande Raccordo Anulare, seguire le indicazioni per Roma centro e proseguire per Muro torto, Parcheggio Villa Borghese.Con i mezzi pubblici, in metro: Metro A Fermata Flaminio,entrare in villa Borghese 300 mt a Piedi fino a viale Lubin.

Leggi tutto...

Piano anticrisi: nessuna consultazione dei consumatori

Codici: inammissibile che il Governo non abbia pensato di consultare i consumatori, che saranno i principali soggetti delle manovre politiche


Probabilmente oggi, nel tardo pomeriggio, sarà esaminato dal Consiglio dei Ministri il decreto per l’anticipo del pareggio di bilancio.Il piano anticrisi che il Ministro dell’Economia Tremonti ha annunciato alla Camera, comunque, ha già sollevato numerose perplessità e non sono ancora chiari i suoi elementi costitutivi. 
Per ora si prevede una tassa sui redditi oltre 90 mila euro, l’aumento al 20% del prelievo sulle rendite finanziarie esclusi i titoli di Stato, l’accorpamento alle domeniche delle festività non religiose, una normativa più permissiva in materia di licenziamenti e forse un intervento sulle pensioni di anzianità. Secondo il Codici, è inammissibile che il Governo non abbia consultato i consumatori sulla questione, sono loro, infatti, che per primi subiranno le conseguenze delle misure che verranno implementate per arginare la situazione di profonda crisi.Il dialogo con le diverse parti sociali avrebbe potuto costituire un’arma in più per fronteggiare una così difficile situazione. “Non vengono sentite proprio quelle parti sociali che subiranno maggiormente il peso della manovra politica. Questo fatto rappresenta un grave esempio negativo della conduzione della politica Italiana” – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici.

Leggi tutto...

Messina, scene indecenti in Ospedale

Osservatorio Codici Sicilia “Da Paziente ad Im-paziente” monitora la situazione sanitaria della Regione

Scoppia lo scandalo presso il Policlinico di Messina a seguito di una denuncia fatta dalla moglie di un paziente ricoverato presso il reparto di rianimazione e dopo alcuni giorni deceduto. L'uomo durante il ricovero era stato trovato con delle larve all'interno del naso. Altri moscerini si aggiravano all'interno di una sala dove si trovavano altri pazienti. Si tratta di un caso di gravità inconcepibile: il paziente era stato abbandonato anche nella semplice assistenza dell'igiene del corpo e si sono verificate pessime condizioni di pulizia nella sala. Dopo la denuncia sono intervenuti i carabinieri Nas in servizio presso la Commissione d'inchiesta sul Servizio sanitario Nazionale e adesso si attendono i risultati. Codici Sicilia nell'ambito del progetto “Da Paziente ad Impaziente” attraverso la realizzazione dell'Osservatorio si sta occupando del monitoraggio della qualità del servizio sanitario siciliano nella sua complessità. Questi eventi che avvengono negli ospedali della regione ovviamente lasciano stupiti, scoraggiati e ancor di più delusi. Nell'attesa di conoscere i risultati del controllo igienico sanitario nel reparto in questione, Codici invita i cittadini a denunciare al proprio sportello sito in via Resuttana n.352 – Palermo, casi simili a questo poiché tali situazioni sono intollerabili per la salute delle persone e per la dignità umana.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS