Roma, caffè al banco a 4,50€. Osservatorio prezzi Codici

Un rincaro del 1351,61% rispetto al costo “normale” non è giustificabile. Codici chiede maggiori controlli e dal Comune un osservatorio prezzi


Chi l’avrebbe mai detto che a Roma un chilo di caffè sarebbe arrivato a costare 747 euro?
La segnalazione è di due turisti che per due tazzine di caffè, consumati al banco in un bar di Roma, hanno speso, loro malgrado, 9 euro. Quasi quanto un pasto frugale ciascuno, un panino e una bevanda o una pizza.

“Non è un caso isolato, la speculazione sulla tazzina a Roma è purtroppo prassi consolidata – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – qui il caffè è purtroppo “amaro” perché siamo nella capitale, i cittadini pagano lo scotto di essere in una città tra le più belle al mondo ma non per questo le speculazioni sono giustificate”.
Al gestore di un bar un chilo di caffè costa circa 15 euro, per una tazzina di caffè occorrono circa 6 gr di caffè macinato.

Da ciò si deduce facilmente che si producono 166 tazzine per un costo di circa 0.09 centesimi ognuna. Questo è quanto dovrebbe costare un caffè al bar. A ciò aggiungiamo un forfait di circa 0.06 centesimi per i costi fissi di zucchero, usura della macchina per il caffè e 0.16 centesimi per la manodopera. Teniamo comunque presente che in genere insieme al caffè, il cliente consumerà anche altri prodotti da bar su cui possiamo spalmare i costi aggiuntivi sopramenzionati, compreso il costo del personale. Il totale è pari a 0.31 centesimi che moltiplicato per 166 tazzine diventa 51,46 euro contro i 747 euro sopramenzionati.

“Un rincaro del 1351,61% rispetto al costo “normale” va oltre ogni umana comprensione – conclude il Segretario Nazionale – Le speculazioni, soprattutto nelle zone chic di Roma, riguardano gli alimenti e le bevande più varie. Dal panino, alla bottiglia d’acqua, dalla pizza, al succo di frutta. Controllate sempre la carta se decidete di consumare seduti al tavolino di un bar e comunque chiedete prima il costo della vivanda e della bibita. Le sorprese possono essere sgradite. Stesso discorso vale per i ristoranti e le pizzerie”.

Codici invita infine il Comune di Roma a prevedere un’azione di controllo attraverso un osservatorio sui prezzi e i cittadini a segnalare agli organi competenti eventuali abusi da parte dei gestori dei locali.

Leggi tutto...

Taranto: da San Vito alla litoranea Salentina, voglia di mare quanto mi costi?

Osservatorio prezzi Codici:  una famiglia con due bambini spende circa 20 € al giorno mentre giovani e single optano per il più economico solarium.

 

Le temperature molto ‘calienti’ dei giorni scorsi hanno permesso che i nostrani stabilimenti balneari facessero il pieno di clienti alla ricerca di refrigerio e relax. Nelle prossime settimane la situazione non sarà da meno: molti tarantini saranno in ferie!
In occasione, l’Osservatorio prezzi Codici ha monitorato i costi previsti per lettini, ombrelloni, sdraio, ecc; degli stabilimenti balneari da San Vito a Marina di Lizzano passando per le spiagge di Leporano e Pulsano. Nella zona di San Vito, una giornata al mare parte dai 13 € in bassa stagione per arrivare nei weekend di alta stagione a poco più di  20 € giornalieri, per ombrellone, 2 ingressi e 2 lettini. Un solarium, ingresso e lettino, si aggira sui 5 € al giorno.
Nei rinomati stabilimenti di Marina di Leporano, solo l’ingresso oscilla dai 4 € ai 5 € in alta stagione. Si pensi a quanto si può arrivare a spendere se aggiungiamo i costi di un lettino , ombrellone o qualsiasi altro servizio. Infatti, una famiglia con 2 bambini piccoli paga circa 27 € per  2 ingressi, 2 lettini ed un ombrellone senza considerare i costi di eventuali ingressi per i figli più grandicelli.
A Marina di Pulsano si paga in alcuni stabilimenti circa 8 € per un solarium  e  circa 26 € per la formula famiglia, altri risultano decisamente più economici. Le spiagge private di Marina di Lizzano propongono costi di circa 5 € per il solarium e circa 18 € per ombrellone, 2 ingressi e 2 lettini
Si tratta di prezzi non indifferenti se si considera la frequenza con cui le famiglie trascorrono le giornate al mare. Proprio per questo, single e giovani optano per la formula solarium.
Non dimentichiamo che queste cifre aumentano inesorabilmente se si aggiungono costi di parcheggio auto che oscilla dai 2 € ai 5 €, docce dai 0,20 cent€ ai 0,50, cabine dai 6€ ai 15 € giornalieri. E addirittura se c’è qualcuno che ama trascorrere qualche ora su un comodo materassino in acqua ed  è sprovvisto dello strumento adatto a gonfiarlo, deve spendere dai 0, 20 cent/€ ai 0,50 cent/€ per l’utilizzo del compressore.
Durante una giornata al mare è quasi inevitabile non passare per il bar dello stabilimento soprattutto se si ci sono dei bambini: sì a gelati, mousse, caffè, bevande e granite!
Voglia di mare quanto ci costi!...Per questo sempre più famiglie e ragazzi si organizzano al meglio per godersi il nostro sole ed il nostro mare, in uno spazio pubblico ma vivibile.

ZONA STABILIMENTI BALNEARI     

SERVIZI COSTI   

SAN VITO

OMBRELLONE, 2 LETTINI E 2 INGRESSI

Dai 13 € in bassa stagione ai 20 € in alta stagione

SAN VITO

SOLARIUM

5 €  giornalieri

MARINA DI LEPORANO    

OMBRELLONE, 2 LETTINI E 2 INGRESSI

Si arriva a spendere e superare i 27 € al giorno

MARINA DI PULSANO

OMBRELLONE, 2 LETTINI E 2 INGRESSI

Dai 15 ai 26 € al giorno a seconda degli stabilimenti

MARINA DI PULSANO

SOLARIUM

Spesa media giornaliera dai 5 € agli 8 €

MARINA DI LIZZANO

OMBRELLONE, 2 LETTINI E 2 INGRESSI

Circa 18 € nel weekend

MARINA DI LIZZANO

SOLARIUM

Spesa media giornaliera dai 5 €

   


   
  
MARINA DI LIZZANO      

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS