logo-rete.jpg

 

Criminalità e sicurezza nella capitale: Codici in audizione alla Commissione Consiliare Speciale Politiche della Sicurezza Urbana del Comune di Roma con il dossier “Le mani della criminalita’ su Roma e provincia”

Questa mattina l’Associazione CODICI, con il Segretario Codici Comune di Roma, Carmine Laurenzano, il Segretario Codici Provincia di Roma, Valentina Coppola,  ha preseduto all’audizione tenuta dalla Commissione Consiliare Speciale Politiche della Sicurezza urbana del Comune di Roma sul dossier realizzato dal Codici “ le mani della criminalità su Roma e Provincia”.
Il dossier sulla criminalità del Codici ha scattato una fotografia della criminalità organizzata nel Comune di Roma e nella Provincia diversa rispetto a un recente passato, sinonimo di un processo di evoluzione della criminalità organizzata dinamico e al passo con i tempi.  Roma, grazie alla strategicità del tessuto cittadino rappresenta un favorevole luogo per il rifugio dei latitanti e terreno fertile per mercati illeciti più sofisticati, quali: appalti pubblici e impresa, attraverso la nuova tecnica del leverage buy out. Il traffico della droga e della prostituzione sono  i business principali.
Il settore degli appalti pubblici è quello più delicato in quanto potrebbe intaccare il piano degli investimenti per le opere pubbliche della Capitale. Nei primi dieci mesi del 2010 il numero delle gare d’appalto è calato di oltre il 20 per cento rispetto al 2008. L’Allarme è stato lanciato proprio dai rappresentanti di categoria dei costruttori di Roma. L’altro aspetto del fenomeno è quello degli appalti senza gara, il cui apparente clientelismo legato a fazioni politiche potrebbe nascondere capitale criminale. 
In considerazione del contesto criminale, CODICI porta in Commissione Sicurezza delle proposte, essendo la Capitale, con il suo piano di investimenti, un bersaglio gradito alla criminalità organizzata. 
Tra le varie proposte chiede:
•    la realizzazione di un osservatorio sulla criminalità organizzata al fine di prevenire le infiltrazioni mafiose nelle opere pubbliche previste dal piano investimenti del Comune di Roma.  Un osservatorio che sarà realizzato con la partecipazione della società civile.
“Abbiamo trovato un orecchio attento e “voglia di fare concreta”- dichiara Valentina Coppola -.  Riteniamo sia possibile aprire un dialogo costruttivo con l’On. Santori e la Commissione che rappresenta”.
“Esprimiamo grande soddisfazione – conclude Carmine Laurenzano -  affinché l’incontro di oggi possa portare alla realizzazione dell’osservatorio partecipato, proposto da Codici, sulle infiltrazioni criminali negli appalti pubblici, sulla scia dell’esperienza Milanese relativa l’Expo.

Occorre essere registrati per poter commentare